Erboristeria,  Fashion,  Moda e bellezza

Fango drenante e anticellulite fai da te: la ricetta

A cura della Dott.ssa Antonietta Festa di Farmaverde

Il post di questa settimana ho voluto dedicarlo ad un rimedio fai da te contro la cellulite. Forte delle sempre più vive richieste per un trattamento Urto, ad azione sia drenante che anticellulite, ho messo appunto per voi questa ricettina facile facile, a prova di pigrizia!

Ingredienti:
70g di argilla verde ventilata
1 cucchiaio di Sale fino
2 cucchiai di caffè il polvere
1 cucchiaio e mezzo di Fucus (Fucus Vesicuin taglio tisana)
6 gocce di olio essenziale di Menta
Pellicola

Procedimento:
Ciò che rende differente questa ricetta è proprio il procedimento. Come potete notare ho scelto di utilizzare il caffè in polvere, anzi che i fondi di caffè, al fine di garantire un apporto di caffeina maggiore. Un’altra caratteristica di questa ricetta sono i tempi. Ho dato vita così ad una preparazione non proprio estemporanea ma che garantisce un estrazione ottimale dei principi attivi contenuti sia nel Fucus che nel caffè. Per ottenere il fango si procede mettendo a bollire 250ml di acqua. Una volta raggiunta l’ebollizione, a fuoco spento, si mette nell’acqua il cucchiaio e mezzo diFucus in taglio tisana e si copre lasciando in infusione per 15 minuti. Nel frattempo uniamo in una ciotola, possibilmente non di metallo ne di plastica, l’argilla, il caffè in polvere, il sale e le sei gocce di olio essenziale di Menta. Mescoliamo fino a rendere il tutto ben omogeneo. Quando l’infuso di Fucus sarà pronto filtriamo e aggiungiamo il liquido progressivamente al mix di argilla finché non otteniamo una crema morbida, facilmente spalmabile e che non cola.
L’ultimo passo è quello di far riposare il fango altri 15 min e se potete anche tutta la notte in frigo. In questo modo otterremo un fango freddo dalle proprietà drenanti, grazie all’azione osmotica del sale e dell’argilla, e anticellulite.

La caffeina infatti, per uso esterno si rivela un drenante naturale in grado di migliorare l’aspetto della cellulite aumentando il flusso sanguigno sugli strati più superficiali del derma, eliminando i liquidi in eccesso presenti nelle cellule della pelle e riducendone il contenuto di grassi.

Anche il Fucus agisce positivamente tonificando il tessuto e donando all’epidermide vigore, idratazione e ripristinando l’equilibrio idrolipidico grazie alla presenza di Alginati oltre alla più famosa azione riducente nei confronti delle cellule adipose.

Per ottenere il massimo del risultato si consiglia di effettuare il trattamento per un mese applicando il fango per 3 giorni consecutivi e successivamente a giorni alterni, per un totale di 2 settimane, e 2 volte alla settimana dalla terza settimana in poi. Si raccomanda di avvolgere le parti trattate con la pellicola per migliorare l’assorbimento dei principi attivi.

Fanghi-vulcanici-ritenzione-idrica

Un altro prezioso consiglio è quello di bere 2 litri d’acqua e fare attività fisica associando al trattamento estratti di Centella asiatica (gocce o compresse).
Per un’azione più intensa potete inoltre di scegliere di associare una buona crema anticellulite prestando attenzione alla temperatura che sviluppa.
Sappiate infatti che “caldo” o “freddo” non è solo una questione di piacere o preferenza personale!
Le creme “calde” hanno azione rubefacente, cioè aprono i capillari e attirano il flusso sanguigno con lo scopo di migliorare la circolazione periferica. Fate però attenzione perché queste creme non sono adatte a chi beve poco, ha tanta ritenzione idrica ed una cattiva circolazione. In questi casi infatti una maggiore permeabilità dei capillari finisce per incrementare la perdita di liquidi dai vasi sanguigni verso i tessuti esterni generando maggiore gonfiore, pesantezza e ristagno.
In questo caso infatti si consiglia di predilige un trattamento freddo drenante che tonifica i capillari… come questo fango!!!

Antonietta Festa

www.farmaverde.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.