Natale,  Poesie, Libri, Letteratura

5 gennaio: w la Befana!Le filastrocche dedicate alla Befana

5 gennaio 2011

Domani è il grande giorno della vecchietta più famosa del mondo, come non dedicarle uno spazio….Ecco una raccolta delle filastrocche più famose dedicate a lei, la mitica Befana.

Ne conoscete altre? Scrivetemi: chiaraconsiglia@gmail.com

La befana e l’uomo nero

Ninna nanna, ninna o,
questo bimbo a chi lo do?
Lo darò alla Befana
che lo tiene una settimana.
Lo darò all’uomo nero
che lo tiene un mese intero.
Lo darò alla sua mamma
che gli fa fare la nanna.
Ninna nanna ninna o,
questo bimbo a chi lo do?

_______________________________________________________________________________

La Befana vien di notte

La Befana vien di notte
con le scarpe tutte rotte…
Vien dal cielo con la scopa
e sui tetti pian si posa,
e poi scende  svelta svelta
dai camini con la cesta.

La Befana è una vecchietta
un po’ brutta poveretta,
ma ai bambini poco importa
se la cesta é piena piena
tutta piena di bamboline
per riempire le calzine.

La Befana con la cesta
cerca, cerca la calzina
e soltanto ai bimbi buoni
lei ci mette tanti  regalini
ma a chi é stato un po’ birbone,
lei la colma con carbone.

La Befana é già sul tetto
presto bimbi tutti a letto!
Lasciamo sola la vecchietta
a riempire la calzetta,
che domani di buon mattino
scopriremo i regalini!

_____________________________________________________________________

E`arrivata la befana

E’ arrivata la Befana
coi balocchi pei bambini;
rimboccata ha la sottana
ed è scesa nei camini.
Ha trovato scarponcini
e calzini trasparenti,
li ha riempiti con dolcini
per far bimbi assai contenti.
Ogni cosa ha poi lasciato
con sveltezza e cuor contento:
nessun bimbo s’è svegliato
proprio allora in quel momento.
Risalita nei camini
è scappata in grande fretta.
La sognavano i bambini,
quella povera vecchietta!

______________________________________________________________________

Poesia

Zitti, zitti, presto a letto

la Befana è qui sul tetto,

sta guardando dal camino

se già dorme ogni bambino,

se la calza è ben appesa,

se la luce è ancora accesa!

Quando scende , sola, sola,

svelti sotto alle lenzuola!

Li chiudete o no quegli occhi?

Se non siete stati buoni

niente dolci, nè balocchi,

solo cenere e carbone!

_______________________________________________________________________

La Befana vien de note con le scarpe tute rote col vestito alla romana, viva viva la Befana!

2 Comments

  • daniela

    Complimenti chiara,
    per queste filastrocche sulla befana. Mi hai fatto ritornare bambina, quando la befana mi lasciava una calza lunga, piena di dolciumi e altre gianfrusaglie.
    Un abbraccio

  • daniela

    ciao chiara,
    mi sono accorta che ho fatto un errore: ops….. cianfrusaglie.
    Scusami signora maestra.
    un abbraccio daniela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.