Liquori

Liquore alla liquirizia: ricetta e proprietà benefiche

liquiriziaConosciuta da secoli per le sue proprietà terapeutiche, la liquirizia è una radice ricavata da una pianta spontanea che vanta numerosi benefici per la salute.

Il grande Ippocrate la utilizzava e la consigliava per alleviare la tosse, mentre gli Sciiti la mescolavano al latte di cavalla quando si trovavano impossibilitati a bere acqua anche per 10 giorni di seguito. Questa pianta infatti trattiene l’acqua e per questa sua particolarità veniva usata quotidianamente dagli eserciti in missione.

Le proprietà della liquirizia sono ampiamente riconosciute dalla medicina e per beneficiare dei suoi effetti, si può assumere questa pianta sotto diverse forme. In commercio è possibile trovare sia la liquirizia grezza acquistabile anche online, utile da masticare o per preparare tisane e decotti, che quella sotto forma di compresse e caramelle.

Il principio attivo che rende questa radice così benefica per l’organismo è la glicirizzina, una sostanza con poteri espettoranti che protegge anche il tratto gastrointestinale, svolgendo una potente azione antinfiammatoria. Il suo sapore particolarmente gradevole, induce chi la consuma a fumare di meno e per questo è indicata a chi vuole abbandonare il vizio del fumo. Ma non è tutto. La liquirizia è anche diuretica e antiossidante e utile soprattutto a chi soffre di cali di pressione. Questa pianta infatti è un ottimo vasocostrittore che regola il livello della pressione; allo stesso tempo però non è indicata per chi al contrario soffre di pressione alta.

Il succo che si ricava da questa preziosa radice è un valido aiuto per favorire la digestione ma anche per alleviare i sintomi influenzali come raffreddore e mal di gola. Il decotto a base di liquirizia grezza, invece, può essere utile per calmare la tosse visto la sua spiccata azione emolliente. Chi soffre di bruciori di stomaco può invece ricorrere ad un infuso, efficace anche in caso di catarro.
Viste le sue funzioni antivirali, la polvere di liquirizia può essere utile in caso di herpes labiale se applicata direttamente sulla zona colpita.

Infine, la liquirizia è particolarmente indicata a chi sta seguendo una dieta dimagrante in quanto ha proprietà sazianti, diuretiche e dissetanti.

Anche la liquirizia può presentare degli effetti collaterali, nel caso in cui si abusi di questa sostanza. La dose giornaliera non deve superare comunque i 15 gr, in tal caso si può andare incontro a spiacevoli disturbi. In particolare è stato dimostrato che l’assunzione prolungata di liquirizia può provocare ritenzione idrica e perdita di un minerale molto prezioso, il potassio. Questo può generare anche un indebolimento dei muscoli. Altri effetti indesiderati sono diarrea, nausea, tachicardia e il graduale ingiallimento dei denti, causato dal suo colore scuro che tende a macchiare lo smalto.

Con la liquirizia si può preparare in casa un ottimo liquore aromatico, da bere alla fine di un pasto per beneficiare delle sue proprietà digestive. La sua realizzazione è semplice, occorre procurarsi della liquirizia pura in polvere, ideale per questa ricetta in quanto si scioglie perfettamente. Ecco il procedimento :

Liquore alla liquirizia

liquore liquirizia

Ingredienti per 8 persone:

– 200 gr di liquirizia pura in polvere

– 1,2 Kg di zucchero semolato

– 1 litro di alcool (95°)

– 1 litro e mezzo di acqua

Per prima cosa è necessario riscaldare l’acqua in una pentola con capienza di 5 litri circa e prima che cominci a bollire versare al suo interno lo zucchero. Mescolare bene e aggiungere anche la polvere di liquirizia gradualmente utilizzando un cucchiaino. Durante l’operazione è necessario girare sempre il composto con un mestolo di legno, man mano che si versa la liquirizia.

Dopo aver aggiunto tutta la polvere, si può spegnere la fiamma, mescolare un’ultima volta e lasciare raffreddare. Appena lo sciroppo si è intiepidito a temperatura ambiente, unire l’alcool e girare per amalgamare bene. Il liquore è pronto per essere imbottigliato.

Per una buona riuscita dello sciroppo è fondamentale utilizzare una pentola di alluminio in modo che il composto non si attacchi alle pareti e al fondo durante la cottura.

Il liquore potrà essere consumato anche subito dopo la preparazione ma si consiglia di aspettare all’incirca 30-60 giorni, per fare in modo che l’alcool, lo zucchero e la liquirizia siano ben amalgamati. Dopo l’imbottigliamento è necessario agitare spesso le bottiglie in maniera tale che non si formino grumi. In questo modo la liquirizia non avrà il tempo di solidificarsi e depositarsi sul fondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.