Arredamento e design,  Pittura, disegno, stencil,  Tutorial

Come realizzare una lavagnetta country: progetto di Silvia Ramilli

Il progetto che vi consentirà di realizzare una lavagnetta stile country, ce lo regala Silvia di Un pizzico di zenzero.
Per maggiori informazioni, contattate Silvia attraverso il suo blog, dove troverete anche le date dei suoi corsi!!

 

 

 

Una lavagnetta stile country

Una simpatica lavagnetta Country, un mio nuovo progetto creato in esclusiva per CHIARACONSIGLIA
Un progetto di Pittura Country molto semplice per chi si avvicina per la prima volta a questo bellissimo mondo.
Cos’è il Country?
E’ un tipo di pittura “povera” nata negli USA e originariamente realizzata su latta (Tole Paint) e successivamente impiegata su qualsiasi superficie si desideri abbellire.
Un gioco di ombre e luci che conferisce tridimensionalità ad un disegno a tinte piatte. E’ un tipo di pittura alla portata di tutti, potrete realizzarla anche con i vostri bambini a partire dagli 11 anni circa (medie).
Proviamo insieme?

Occorrente:
– Tavoletta di compensato quadrata della misura che preferite (la mia è un 28x28x10)
– Colori acrilici a scelta per i fiori (io lavoro con prodotti to-do americana e les fleurs) una tonalità chiara per il riempimento del fiore e una più scura per l’ombreggiatura.
-Colori acrilici chiari (in questo caso la gamma hot shot di americana e il bianco) per la lumeggiatura.
pittura lavagna color verde chiaro (creo art)
-Colori acrilici verde scuro e bianco (les fleurs) per il bordo shabby
-Carta grafite nera
-Matita, temperino, gomma, righello
-Carta da lucido o carta velina
-Nastro carta
-Primer trasparente
-Spugnetta per piatti con retro abrasivo
-Amuchina gel
-Cotton fioc
-Carta da cucina
-Carta vetrata grana grossa e sottile
-Pennelli: piatto n. 14 x il fondo e il bordo, angolare n. 8 per sfumature, piatto n. 8 e tondo n. 3 per riempimento campiture, pennello a zoccolo per lumeggiature, pennello mop, liner n. 0
-Vernice di finitura opaca spray.
Tutto il materiale è di facile reperibilità nei colorifici e nei centri FAI-DA-TE con reparto Hobbistica

Fase 1

Iniziare il lavoro passando bene la carta vetrata a grana grossa sui lati del lavoro per asportare ogni asperità o scheggia (eseguite molto bene quest’operazione soprattutto se lavorate con i ragazzi), e delicatamente sul piano.
Appena terminata quest’operazione riportate con l’aiuto della “carta grafite nera” un disegno che avrete creato su carta da lucido o su carta velina (in questo caso sono dei fiori stilizzati molto semplici da realizzare).
Posizionate la carta da lucido sulla tavoletta nella posizione da voi scelta, bloccatela con due pezzetti di nastro carta e inserite la carta grafite.
Con la matita riprendete i contorni del disegno senza calcare troppo.
Perchè si usa la carta grafite? perchè a differenza della carta carbone si canella con una gomma esattamente come i segni lasciati dalla matita e non macchia il lavoro di nero.
Esiste sia nera che beige a seconda che il fondo dove la si utilizza sia chiaro o scuro.

Fase 2

Con l’aiuto di un righello tracciate il bordo del lavoro (il mio è di 2 cm) e riempite il bordo con l’acrilico verde della linea “Les Fleurs” (se non vi sentite sicure mascherate con nastro carta prima di passare il colore) utilizzando il pennello piatto n. 14 in due mani attendendo la perfetta asciugatura tra una mano e l’altra.
Ad asciugatura avvenuta stendete 2 mani di acrilico Les Flurs bianco e attendete anche in questo caso che il prodotto asciughi perfettamente prima di passare la seconda mano.

 

 

Fase 3

Con i colori acrilici scelti iniziate a riempire le campiture dei fiori utilizzando il pennello piatto n. 8 e il tondo per le parti più piccolee quando il bordo sarà perfettamente asciutto procedete allo Shabby asportando parte del bianco con l’aiuto della spugnetta abrasiva appena inumidita grattando sempre nella stessa direzione.
I Les Fleus non necessitano dell’uso di paraffina per la tecnica Shabby.

 

 

Fase 4

Mascherando i bordi procedete a dipingere con la pittura lavagna verde l’interno della tavoletta mascherando i bordi se lo ritenete necessario con il nastro carta.
La pittura lavagna è un tipo di pittura su cui una volta asciutto il lavoro si può scrivere con un gessetto e pulire con un panno o un cancellino proprio come le lavagne scolastiche di una volta.

Fase 5

A questo punto iniziamo a dar forma ai nostri fiori.
Si procede utilizzando il pennello angolare in questo modo: intingere il pennello in acqua sempre pulitissima, si asciuga leggermente su carta da cucina e si intinge la punta nel colore che useremo per la sfumatura.
Si lavora schiacciando avanti e indietro il pennello sull’ apposita tavolozza o su un foglio plastificato apposito (per le prime volte potete usare anche un piattino di plastica zigrinato) reastando sempre nello stesso punto.
Quando il colore sarà ben distribuito schaicciando il pennello vicino alla parte da ombreggiare creare la sfumatura e distribuire sfumando con il mop.
Questa tecnica di ombreggiatura è chiamata floating.
L’importante è decidere quali parti resteranno in ombra e quali in evidenza.

Fase 6

Una volta data tridimensionalità all’immagine, schiariamo le parti in evidenza.
Si procede così: si preleva con il pennello a zoccolo il colore e si scarica tamponando molto bene su carta da cucina, poi di strofina sulla parte da schiarire con movimenti circolari (più o meno come realizzare uno stencil)
Per il centro dei fiori la lumeggiatura è effettuata con il floating utilizzando lo stesso procedimento dell’ombreggiatura ma con il colore bianco.

Fase finale

Terminare il lavoro sfumando con la tecnica del floating e il verde scuro tutto il contorno dei fiori (se ve la sentite potete ombreggiare con i colori corrispondenti ai fiori e alle foglie realizzando una sorta di pittorico) e spuzzando la vernice di finitura opaca spary.

 

Importante: i pennelli mop e zoccolo non devono mai essere bagnati durante il lavoro. Per pulirli durante la lavorazione utilizzare amuchina gel mettendono un pochino su panno carta e stroninado successivamente il pennello fino a totale pulitura.
Vanno puliti a OGNI CAMBIO di colore per evitare di macchiare il lavoro durante l’operazione successiva.

HAPPY PAINTING!!!

 

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.