Moda e bellezza

Il mercato della cosmesi in Italia: tra store digitali, boom del biologico e novità dall’Oriente

Gli italiani amano prendersi cura del proprio aspetto e del proprio fisico e lo scorso anno, anche sull’onda di una ritrovata fiducia dell’economia nazionale, sono tornati a spendere cifre consistenti in prodotti e trattamenti di bellezza, alimentando un settore che era riuscito a mantenersi vitale anche nel corso degli anni della crisi, ma che oggi cresce a ritmi eccezionali.

È questo il positivo quadro che emerge dall’analisi congiunturale di Cosmetica Italia, l’associazione di categoria che ogni anno si occupa di fare il punto sull’andamento del settore bellezza e benessere in Italia.

Nel corso del 2017, il fatturato delle imprese italiane attive nel campo della cosmesi e della cura della persona ha toccato quota 11 miliardi di euro, segnando un incremento di 4,4 punti percentuali sull’annata precedente. Si tratta di un risultato davvero interessante, specie perché trainato da un vero e proprio boom delle esportazioni (+9%), chiaro segnale che il marchio del Made in Italy, anche in questo settore, continua ad esercitare una forte attrattiva all’estero.

Il trend di crescita registrato negli scorsi anni sembra destinato a proseguire anche nel corso di questo 2018, per il quale si prevede un ulteriore incremento del giro di affari del 5%, soprattutto sull’onda dell’aumento dell’offerta degli store digitali.

Già lo scorso anno, gli acquisti online di prodotti di bellezza hanno registrato un netto +25%, con un fatturato che complessivamente avrebbe superato i 300 milioni di euro. Alla base del successo della formula dell’e-commerce nel settore della cosmesi non sarebbero solo la praticità dei metodi di acquisto e la convenienza dei costi, ma anche la “settorializzazione” degli store, che hanno la possibilità di specializzarsi in tipologie particolari di prodotti abbracciando le novità del momento e offrendo ai consumatori soluzioni per acquistare in modo semplice anche i cosmetici di importazione.

Tra i trend più interessanti emersi negli ultimi mesi, in effetti, da un lato c’è la conferma del crescente interesse nei confronti della cosmesi green, ovvero di quei prodotti che optano per una formulazione naturale ed ecologica, mentre dall’altro emerge il nuovo fenomeno delle “routine di bellezza” importate dall’Estremo Oriente e, in particolare, dalla Corea del Sud.

Il successo dei prodotti di bellezza coreani nel Belpaese potrà sorprendere alcuni, eppure, a testimoniare l’interesse crescente delle italiane (e degli italiani!) per i segreti dell’impeccabile pelle del popolo asiatico, aumentato in modo esponenziale nel giro di pochissimo tempo, è il boom delle visite e degli ordini registrato dallo store online mybeautyruotine.it.

L’e-commerce italiano, da poco entrato a far parte ufficialmente dei progetti di Ebranditalia, società specializzata nelle forniture cosmetiche professionali, offre il meglio dei prodotti dedicati alla cura del viso e non solo made in Corea, mettendo a disposizione della clientela un ricco catalogo in continua espansione.
Al motto di “Life’s too short for a bad skin” (ovvero “ la vita è troppo breve per accontentarsi di una brutta pelle”), Mybeautyroutine propone tutto il necessario, dai prodotti per la detersione e l’esfoliazione, fino alle celebri maschere in tessuto e alle “essence” (creme viso a metà strada da un tonico e un siero, spesso a base di fermenti lattici o estratti fermentati) per seguire passo passo la tipica ruotine di bellezza coreana.

Dietro al successo di realtà come Mybeautyroutine c’è più di un semplice fenomeno di costume legato all’ennesimo trend del momento: la Corea del Sud vive un vero e proprio culto della “pelle perfetta”, che nel corso degli anni ha portato al proliferare di marchi pronti ad investire cifre ingenti per offrire prodotti sempre più efficaci ad un pubblico tra i più esigenti al mondo.

Così, a beneficiare dell’impegno nella ricerca sui principi attivi e sulle formulazioni più funzionali oggi sono anche i consumatori italiani, che attraverso canali come mybeautyroutine.it hanno la certezza di acquistare prodotti originali e sicuri, agli stessi prezzi convenienti che li caratterizzano nel paese di origine.
La marcia in più di Mybeautyroutine? Il servizio di costumer care che, proprio come se ci trovasse all’interno di un negozio tradizionale, guida l’acquirente nella scelta dei prodotti più adatti alle caratteristiche della sua pelle e la fine organizzazione logistica, che consente l’elaborazione degli ordini in tempi molto brevi.

Il successo registrato dagli e-commerce del settore della cosmesi rappresenta anche un segnale da non sottovalutare a livello generale, dal momento che finalmente sembrerebbe essere in netta crescita la quota degli italiani pronti a sposare gli acquisti digitali, campo nel quale il paese fino ad oggi non si è ancora distinto in modo particolare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.