Moda e bellezza

Micosi: un problema comune da non sottovalutare

Mai sottovalutare le micosi: nonostante non siano delle complicanze gravi, queste infezioni cutanee possono pesare non poco sulla nostra psiche e sul rapporto che abbiamo con gli altri. Si tratta, infatti, di forme infettive che causano diverse problematiche estetiche, e di conseguenza un senso di inadeguatezza nei soggetti colpiti.

Di cosa si tratta, esattamente?
La micosi è una infezione portata da un fungo (il micete), che tende a svilupparsi non solo sulla pelle, ma anche sul cuoio capelluto e sulle unghie. Quando l’organismo possiede un sistema immunitario debole, il micete può approfittarne per installarsi sull’ospite: se succede, emergono sintomatologie come arrossamenti e desquamazioni. Per la corretta diagnosi, comunque, si deve sempre chiedere il parere di un medico: ciò è anche necessario per capire le reali cause alla base dell’infezione.

Come riconoscere e trattare le micosi?

Le lesioni portate dalla micosi, quando colpiscono la pelle, sono facili da riconoscere per via del loro aspetto caratterizzante: in genere, infatti, hanno una dimensione circolare e vengono formate da una zona desquamata e arrossata all’esterno, e da un centro di pelle sana. Inoltre, le micosi cutanee tendono a svilupparsi soprattutto in corrispondenza di mani, piedi, braccia e gambe: nella lista finiscono anche le unghie, solo che in questo caso si parla di onicomicosi. Per trattare correttamente queste infezioni, bisogna utilizzare dei prodotti specifici, come ad esempio la polvere antimicotica di Trosyd: essendo a base di tioconazolo, riesce in breve tempo a debellare l’infezione micotica. In ogni caso, non fa mai male sottoporsi a una visita specialistica: solo tramite l’analisi dei frammenti di pelle è possibile determinare con certezza se si tratti o meno di micosi.

Come prevenire il contagio da micosi?

Con alcune abitudini corrette in termini di igiene e protezione, è anche possibile evitare la maggior parte delle fonti di infezione da micosi. Per prima cosa, è sempre opportuno evitare l’aumento di umidità corporea: ad esempio, dopo la doccia o il bagno, bisogna asciugarsi bene. Inoltre, le norme igieniche prevedono anche una approfondita pulizia delle pieghe corporee e degli interstizi delle dita: le zone che più di tutte tendiamo a sottovalutare in quanto a igiene del corpo. Bisogna poi fare attenzione alle superfici con le quali entriamo a contatto: i pavimenti dei luoghi pubblici, come la palestra, sono un pericoloso veicolo di micosi. Indossando scarpe o ciabatte, comunque, è possibile mettere al riparo zone particolarmente sensibili come le piante e le unghie dei piedi. Chiaramente anche l’igiene in fatto di vestiti è piuttosto importante: mai indossare capi altrui, o usare indumenti intimi o asciugamani che non siano personali. Infine, attenzione ad accarezzare gli animali randagi, che possono trasmettere la tigna.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.