Varie

Come dimenticare un amore

Accettare la fine di un amore è un’impresa ardua, difficile a volte impossibile quando dentro il fuoco arde ancora prepotentemente. Chi lascia è più forte o quanto meno preparato all’oda d’urto che genera la fine di una relazione, per chi la subisce dimenticare un amore diventa apparentemente impossibile.

Mettere la parola fine ad un rapporto interpersonale, quale che sia, è doloroso, ma non tutti i rapporti producono la stessa sofferenza, i rapporti di coppia tendono a generare una dose maggiore di dolore quando terminano, soprattutto perché tutto viene rimesso in discussione.

Ci sono storie d’amore nelle quali, sin dall’inizio, si avevano poche aspettative, altre nelle quali si è puntato tutto. Lui è l’uomo della mia vita ed è chiaro che quando si è investito tanto in una relazione, se finisce, è davvero traumatico. Come dimenticare un amore? Questo è quello che si chiedono tutti coloro che ritengono impossibile riuscirci, ci stanno provando da tempo eppure il pensiero resta sempre fisso li, a quell’uomo il cui ritorno cambierebbe la triste realtà che si vive.

Occorre prendere in analisi quel: “per tutta la vita”. Cresciamo e sviluppiamo pensieri in una società che ci fornisce dei modelli, il romanticismo è un modello, così come lo è il mito dell’anima gemella che ne genera un secondo di mito, quello della durata infinita di un rapporto.

A volte bisogna seguire il flusso

La vita dimostra con costanza come la ciclicità sia un moto perenne, per entrare maggiormente nel merito della questione, se un attività giunge al suo apice energetico poi dovrà declinare e trasformarsi, basta osservare le stagioni dove la fine di una corrisponde ad un cambiamento, la fine di una storia è anch’essa un cambiamento, uno di quelli che si fatica a gestire, e molte donne lo sanno bene.

La fine viene vissuta in maniera totalizzante, coinvolge ogni aspetto della propria vita, tuttavia cambiare il tuo pensiero al riguardo è possibile. Molte donne sentono di perdere l’interezza della loro esistenza quando termina un rapporto di coppia, per cui tentano di assemblare i pezzi della rottura, e questo causa dolori ai quali spesso si da la giustificazione della ricostruzione, quando invece sono gabbie per la propria sensibilità e anche per la propria vita, se li si osservano su un livello più ampio.

Lo odio, lo detesto ma non riesco a non pensare a lui. Sto vivendo un malessere profondo, ogni cosa che mi circonda me lo ricorda, lo sogno spesso mi sveglio frequentemente durante la notte. Di giorno non faccio altro che pensare a lui, a cosa starà facendo, se mi sta pensando …

Saprai certamente a cosa portano i pensieri negativi che formuli, arrivano a far male alla tua stabilità personale e al tuo equilibrio psicologico.

Si può dimenticare un amore? Lo si può riconquistare? Se si a che prezzo?

Le vere domande da porsi per il proprio benessere sono queste. Come abbiamo detto, le storie finiscono, bisogna vedere le ragioni che hanno portato alla conclusione, se c’è stato mancanza di rispetto, tradimento, disinteresse,

La psicologia della persona è quindi importante, molti uomini non si rassegnano alla fine di una storia e arrivano a commettere crimini d’odio quando una donna in autonomia sceglie di porre fine ad una relazione, le donne spesso sviluppano dipendenza affettiva, perché dalla società arrivano specifiche induzioni culturali, quali sono queste induzioni?

Un esempio è la compressione della fiducia che la donna ha in se stessa associata al farle credere che senza un uomo non valga nulla, da qui lei sviluppa dipendenza affettiva per cui inizia ad elaborare pensieri ed azioni auto distruttive come quelle di sacrificarsi ed umiliarsi per tornare con chi non vuole stare con lei.

Amarsi è essenziale, sia per avere rapporti di coppia equilibrati, ma ancor prima per se stesse, a prescindere da un eventuale relazione amorosa.

Dimenticare un ex è possibile?

In realtà non si dimentica mai una relazione d’amore e di coppia, non si dimentica un ex, chi sostiene che è possibile dimenticare, ovvero cancellare dalla mente e dalle emozioni un ex sostiene semplicemente il falso. Nessuno è un robot che può essere riprogrammato per il resto della sua vita, i ricordi riaffiorano sempre, si può gestire il dolore però, è possibile occupare il tempo e riprendere in mano la propria vita facendo cose che appassionano, ma non è possibile dimenticare.

Anche nelle situazioni vissute più intensamente però c’è sempre un elemento che allenta la tensione, il tempo. Senza rendersene conto il tempo porta sollievo, l’intensità emotiva dei pensieri si allenta e si è pronti a riaprirsi al mondo e trovare un nuovo amore.

Quando invece non si vuole demordere e si vuole tornare con un ex bisogna essere oneste con se stesse e bisogna pensare sempre che l’amore non è un obbligo, non deve richiedere sacrifici, anche se la cultura ci dice che il sacrificio è indispensabile, non richiede nemmeno di rinunciare a se stesse per avere una persona accanto, che genere di amore è quello che chiede una rinuncia così profonda? Se il vostro ex vi mancava di rispetto, non avvertivi il tuo stesso grado di interesse, pensate a questi, collocate i momenti belli vissuti accanto a quelli brutti e che vi hanno ferite, vedrete che con il tempo otterrete un quadro complessivo del rapporto e farete meno fatica a decidere se dimenticare o riconquistare un ex.

Adriano Rossi è un sociologo che da anni si occupa di amore e benessere, in particolar modo quando si tratta di affrontare una crisi di coppia o una rottura sentimentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.