Varie

Moda e Beauty dominano l’e-commerce 2019

La moda, l’abbigliamento e la cura del corpo rappresentano i settori più forti nel mercato online: i fattori di propulsione sono la varietà di offerte, i prezzi competitivi e l’appetibilità delle diverse applicazioni e siti (senza contare i social network), che permettono di raggiungere modelli ed ispirazioni prima inimmaginabili.

Le vendite online: il boom di Moda e Beauty

I consumatori di età compresa fra i 30 e i 50 anni sono ormai sempre più orientati verso gli acquisti online. Gli e-commerce, infatti, raccolgono un volume di affari sempre più elevato, arrivando a coprire vasti settori di interessi: cultura, arredamento, abbigliamento, prodotti di bellezza, tecnologia, ecc. Il valore degli acquisti online in Italia è arrivato, nel 2019, ad oltre 31 miliardi di euro, con una crescita del 15% rispetto all’anno precedente, come attestato da una ricerca derivante dalla “School of Management” del PoliMI.

I consumatori online che acquistano di più sono gli italiani di età compresa tra i 35 e i 44 anni, seguiti a breve distanza da quelli più giovani (25-34 anni) e da quelli leggermente più anziani (45-54 anni). Tra questi, sorprendentemente, sono gli uomini che registrano il maggior numero di transazioni e il volume di affari più elevato.

Peraltro, le ricerche attestano anche che circa il 90% dei consumatori digitali non si limita ad effettuare acquisti per sé stesso, ma anche per quanti non utilizzano o addirittura diffidano dello shopping online. Sono molti, poi, gli italiani che affermano di aver provato a convincere altre persone ad effettuare acquisti su Internet e nel 72% dei casi il passaparola ha raggiunto questo obiettivo.

Le ragioni del trend degli acquisti online

Nel 2018 si è registrato un forte calo delle vendite nei negozi fisici, soprattutto per quanto concerne il settore dell’abbigliamento. Colpa dello shopping fatto da casa? Certo, i fattori che comportano la sempre maggior predilezione verso questa forma di acquisti sono numerosi: basti pensare alla semplice comodità di poter gestire una transazione a casa, senza dover raggiungere fisicamente un centro commerciale affollato o un negozio lontano dal parcheggio. Ma non si tratta solo di questo, naturalmente.

Internet, infatti, offre una gamma di prodotti che nessun negozio fisico può offrire: tutto è rapidamente confrontabile, i prezzi sono generalmente più convenienti e le modalità di spedizione ormai sicure presso i principali store. Inoltre, soprattutto per quanto concerne il mondo del Beauty e dei capi di abbigliamento, l’influenza dei social permette di accedere a stili, tendenze e prodotti che raramente trovano riscontro all’interno delle offerte statiche dei negozi. Lo stesso vale paradossalmente per i negozi fisici, dove è comunque più facile comparare le numerose offerte in un catalogo online, come quello di Yves Rocher

Ad esempio, le influencer che condividono con le proprie follower i segreti di make-up non fanno altro che ingrossare le fila degli acquirenti online: infatti, diventa molto più semplice passare dalla schermata di un social a quella del venditore di un prodotto di bellezza, piuttosto che andare a vedere se quel tale rossetto o quella crema sono effettivamente presenti nel negozio vicino casa.

Cosa e come acquistano online gli italiani?

In particolare, in Italia sono i settori del Beauty e dell’abbigliamento a guidare la crescita dell’e-commerce B2C: questi settori raggiungono un tasso di penetrazione rispetto al pubblico pari al 9% dell’intero ambito del commercio digitale, confermandosi come settori in continua espansione. Lo conferma la ricchezza di proposte, ma anche il grande numero di siti e piattaforme da cui è possibile acquistare i prodotti di bellezza o di moda. 

Altro fattore interessante da notare è il progressivo passaggio dagli acquisti via desktop a quelli in app: lo sviluppo di applicazioni mobile, infatti, permette di accedere ad un gran numero di vantaggi, come una gestione più semplice degli acquisti e una velocità di transazione invidiabile. 

Per contro, i siti tradizionali non cedono la vetta in termini di preferenza da parte degli italiani. Questo perché in molti casi i portali sono multimarca e, a loro volta, si attestano come contenitori di ulteriori categorie di prodotti o aggregatori di promozioni provenienti da determinati marchi. Che sia via desktop o via smartphone, gli italiani preferiscono acquistare con calma: il 64% dichiara di prediligere gli acquisti da casa perché permette di considerare con maggiore attenzione i pro e i contro di ciascuna offerta e, soprattutto, di comparare le diverse opzioni disponibili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.