Varie

Quando in casa arriva il momento di rivolgersi ad una badante?

Quando è necessario rivolgersi ad una badante per la cura della casa e per accudire i nostri cari familiari? Se stai cercando una badante leggi questi brevi consigli sui compiti delle badanti.

Con il passare degli anni e l’invecchiamento delle persone che ne fanno parte, in molte famiglie è necessario iniziare a pensare all’assunzione di una badante. Questa realtà è comune a tutto il territorio italiano e per capire quando sia necessario, si devono tenere in conto alcuni segnali che nella maggior parte dei casi consigliano di fare questa scelta.

I segnali inequivocabili lanciati dai nostri familiari anziani

Il momento specifico non è uguale per tutti e in molte occasioni la situazione viene presa in esame quando le persone anziane non sono autosufficienti in maniera “conclamata”.

Uno dei casi più comuni è quello delle dimissioni di un paziente dall’ospedale nel quale è stato ricoverato per qualche problema fisico. Spesso, quando questo accade le persone tendono a pensare che gli anziani diventino non autosufficienti durante il ricovero, ma in molti casi invece questo problema era già presente e il ricovero presso la struttura ospedaliera lo ha soltanto acuito.

Per questo è necessario che si comprendano appieno i segnali lanciati dall’anziano. Uno di questi si può intercettare ad esempio guardando all’interno del suo frigorifero, dove si potrebbero trovare dei cibi scaduti.

Inoltre un altro segnale è dato dal quantitativo di cibo che l’anziano assume, che potrebbe essere troppo oppure troppo poco, per cui il suo regime alimentare potrebbe non essere quello ideale per la sua età. Lo stesso problema dei prodotti scaduti si può riscontrare con i cibi a lunga conservazione come la pasta ed il riso, cercando ad esempio la formazione di “farfalline” al loro interno.

Anche la pulizia delle varie stanze dell’abitazione è un segnale da non sottovalutare, così come eventuali accumuli di oggetti da gettare nella spazzatura.

Per capire se è il momento per assumere una badante si possono anche osservare i movimenti più comuni delle persone anziane come l’alzarsi da una poltrona o dal letto senza problemi.

L’ultima cosa a cui prestare attenzione è la cura dell’igiene personale eseguita in autonomia, oltre che una verifica delle dotazioni minime per la stessa come ad esempio il sapone oppure lo shampoo e la carta igienica.

I compiti principali di una badante

Le principali responsabilità di una badante che abita presso l’anziano sono quelle di pulire la casa e mantenerla in ordine, preparare i pasti e fare la spesa, aiutare gli anziani sia nella deambulazione che nei vari movimenti all’interno dell’abitazione, occuparsi delle cure e delle terapie prescritte dai medici, verificando che l’anziano assuma tutte la medicine ed infine accompagnarlo durante le uscite di casa per passeggiate all’aria aperta o per frequentare i parenti e recarsi presso i medici per delle visite.

Oltre a fare compagnia all’anziano, il rapporto che lega alla badante è molto importante per quanto riguarda la fiducia e l’empatia che ne scaturisce, non restando soltanto all’interno dell’ambito professionale.

Per chi cerca una badante in Liguria, possiamo consigliarvi di visitare questo sito di un’agenzia di badanti a Genova. Le figure professionali proposte sono disponibili e flessibili con ottime soluzioni, sia per anziani non autosufficienti che per portatori di handicap e che quindi devono essere aiutate per le incombenze giornaliere più comuno per persone che hanno necessità soltanto di conforto e compagnia.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.