Viaggi

Cosa vedere in inverno in Sicilia

Tra le regioni italiane in cui vale la pena di viaggiare in inverno c’è di sicuro la Sicilia: non solo per il suo clima mite anche nei mesi che in teoria dovrebbero essere più freddi, ma soprattutto per la bellezza delle sue città d’arte che meritano di essere scoperte e ammirate in ogni periodo dell’anno. È il caso, per esempio, di Ragusa, città barocca per eccellenza stupenda sia nella parte alta (Ragusa superiore) sia nella parte bassa (Ragusa Ibla): a collegarle c’è un percorso a scale che parte da piazza della Repubblica e arriva fino a Santa Maria delle Scale. A Ibla non si può non rimanere rapiti dai suggestivi vicoli barocchi, mentre per un tour culturale sono tappe obbligate il Duomo di San Giorgio e la Chiesa di Santa Lucia. Non è molto lontano, inoltre, il castello di Donnafugata.

Alla scoperta di Noto

Un’altra delle località più spettacolari dell’isola, e a sua volta splendido esempio di città barocca, è senza dubbio Noto, il cui borgo è stato addirittura inserito dall’Unesco nella lista dei patrimoni mondiali dell’umanità. È davvero interessante la storia di questa cittadina, che alla fine del XVII secolo venne distrutta da un terremoto, dopo il quale prese il via una ricostruzione i cui meravigliosi risultati si possono osservare ancora oggi. Merito degli artigiani e degli architetti di quell’epoca, che hanno lasciato in eredità edifici stupefacenti. Tra gli altri, vale la pena di citare il Teatro, Palazzo Villadorata, Palazzo Modica e Palazzo Nicolaci, senza scordare la loggia del mercato.

Le meraviglie di Catania

Il terremoto di 1693 che uccise e fece rinascere Noto devastò anche la città di Catania: anche il centro storico del capoluogo etneo fa parte dei patrimoni dell’umanità tutelati dall’Unesco. Gli appassionati di architettura non hanno che l’imbarazzo della scelta nel percorrere le vie di Catania, a cominciare dalla Cattedrale di Sant’Agata. In piazza del Municipio vale la pena di fermarsi davanti alla fontana dell’Amenano, che deve il proprio nome al fiume sotterraneo da cui è alimentata. E, ancora, ecco il monastero dei Benedettini e Villa Cerami, a cui si può giungere attraverso la via dei Crociferi, mentre quello della via Etnea è un percorso di 3 chilometri che porta fino alla montagna dell’Etna

L’Etna

A proposito di Etna, sul versante settentrionale del vulcano gli appassionati di sport invernali possono trovare pane per i propri denti. Basti pensare alle piste di Piano Provenzana, a quota 2700 metri: sembra di sciare in un paesaggio alpino, con la differenza che il panorama permette di ammirare, giù in basso, il mare. Da Linguaglossa si può partire in direzione delle piste, approfittando della funivia che consente di arrivare fino in cima e della presenza di quattro impianti di risalita. Le piste sono in tutto sette, e oltre che allo sci alpino ci si può dedicare anche allo snowboard e allo sci di fondo. E visto che ci si trova dalle parti dell’Etna, meglio non lasciarsi sfuggire, se le condizioni del meteo lo consentono, un tour per le Gole dell’Alcantara, il corso d’acqua che scorre da queste parti. Nel periodo di Natale, poi, EtnaNatale a Linguaglossa propone eventi e mercatini.

Il versante meridionale dell’Erna

Anche il versante meridionale del vulcano è una tappa consigliata per una gita invernale in Sicilia. Il punto di riferimento, in questo caso, è rappresentato dalle piste di Nicolosi: nel complesso sono cinque, e anche qui si può scegliere tra sci alpino, snowboard e sci di fondo. Sempre da Nicolosi si può partire alla volta dei crateri sommitali dell’Etna in occasione di visite guidate, mentre in Paese si può scoprire il Museo Vulcanologico.

Come arrivare in Sicilia

Se si ha in mente di organizzare un viaggio per questo inverno conviene sfruttare le modalità di prenotazione traghetti Sicilia messe a disposizione online. La procedura da seguire è davvero semplice: basta scegliere le tratte desiderate, dopodiché si indicano le date di partenza e di arrivo, specificando il numero di passeggeri e segnalando se deve essere imbarcato anche un veicolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.