Didattica

Una settimana con Gioele, the scarecrow

attività

Ma, dico io, si può mai arrivare impreparati al Festival degli Spaventapasseri?-Certamente,nooo!!- risponde un coro di voci all’ unisono. Quel “dico io” si chiama Christopher , ha trascorso le vacanze pasquali in un agriturismo della Valseriana dove, come in altre località, fervono già i preparativi per la grande festa dedicata a tutti gli “scarecrow” d’ Italia e allora…che si fa di fronte al contagioso , irresistibile entusiasmo di un bambino? Si fa , un po’ come sempre; si “stravolge” la programmazione didattica, ci si confronta un attimo di qua e di là ( Scuola dell’ Infanzia? Scuola Primaria ?), si raccolgono le idee ( quelle non vengono mai a mancare, vero?) e dato che sono sempre tante…si progetta alla grande! Guarda caso ( …e che caso!) riordinando la caotica libreria di mio figlio maggiore, avevo messo dalla parte dei “teneri ricordi” i libri da cui non si voleva mai separare , uno diverso dall’ altro, ma con lo stesso soggetto al “centro del suo cuore”! Chi, se non un curiosissimo e insolito spaventapasseri? E non solo!! Le immagini, di per sè, sanno già “solleticare”l’ insaziabile curiosità dei bambini…Spaventapasseri che non spaventano? Spaventapasseri innamorati? Spaventapasseri che volano in cielo o che diventano eroi per un giorno? Spaventapasseri che parlano , danzano e cantano!!?? Ma…se esistono davvero…che aspettiamo a conoscerli? Non vediamo l’ ora!

copertina

giovedì

Il nostro scarecrow deve ovviamente essere realizzato con materiale di recupero e ciò è quanto abbiamo usato ottenendo un risultato che, tra i bambini, ha riscosso molto successo, rendendoli fieri del loro lavoro.

gioele

Al fine di rendere partecipi un po’ tutti i bambini, a partire dai cinquenni dell’ Infanzia, abbiamo deciso di “trascorrere un’ intera settimana” con Gioele, cogliendo, naturalmente, la preziosa occasione per consolidare ed ampliare l’ unità didattica con raccordi interdisciplinari adattabili ai vari livelli.La partecipazione attiva, l’impegno, l’ entusiasmo e la gioia condivisa sono stati davvero appaganti!Dunque , con immenso piacere, ve ne rendiamo partecipi! Una breve storia per ogni giorno; una filastrocchina canticchiata ( anche bilingue) e relativi disegni che sono stati eseguiti individualmente, poi ritagliati e applicati su una base di cartoncino ( foglio A4),a sua volta incollato su un altro cartoncino colorato ( 26 cm x 35 cm circa). Più facile “a vedersi”, direi!!!

gioele english

Eccoli qua : Monday, Tuesday, Wednesday, Tuersday,Friday, Saturday and Sunday! Sì, ci sono proprio tutti i giorni della settimana, teneramente, fantasiosamente illustrati con l’ aggiunta delle note musicali a favor di “action song”! Tutti i cartoncini sono stati uniti in sequenza con del nastro adesivo trasparente, per nascondere il quale è stato applicato, con colla a caldo, un altro nastro , ma di raso colorato . Come notate, sul bordo sottostante ogni pagina di cartoncino, compare una striscia che riporta la filastrocchina corrispondente al giorno e al testo della storia. Su ogni singolo retro, invece, é stata incollata la breve storia inventata e digitata al computer .
In esclusiva per voi , ecco un “assaggino” di ciò che é scaturito dalla fantasia dei bambini…

Lunedì

mercoledì

canta e danza

E…per un piacevolissimo accompagnamento musicale, adattabile al testo, abbiamo scelto una divertentissima
terna, ossia…”I’m a little teapot” www.youtube.com/watch ; “Twinkle twinkle little star” https://www.youtube.com/watch?v=yCjJyiqpAuU e l’ immancabile, popolare “Dingle Dangle scarecrow”! https://www.youtube.com/watch?v=3DSfTrBtjzQ , che ci ha ispirato i movimenti, particolarmente amati dai bambini, da abbinare al testo. Questa , la nostra rielaborazione:

rielaborazione

Dopo il “Grande libro a fisarmonica”, perché no anche uno stupendo Lapbook? Come ? Come ce lo suggeriscono le
pagine ricche di contenuti, fresche fresche di stampa, de “Il mio primo LAPBOOK” (G. Gottardi) edito da Erickson.

the days of the week

the days of the week_1

E siccome ( così pare!) altre idee vengon mangiando…indossiamo nuovamente, tutti quanti, i panni di “cuochi
senza fuochi” mettendoci a creare deliziosi “ anzi super “sweet scarecrow cookies” con pochi semplici ingredienti.

biscotti

Dopo un gran pieno di energia, scateniamoci ancora con la creatività!Creatività , manualità e fantasia!Ecco qua!

paper bag

Siamo ancora in fase “work in progress”, tuttavia , cosa ne pensate? Pur entrando in punta di piedi, anche noi
avremo diritto di far parte del prossimo Festival per omaggiare i suoi speciali protagonisti?
Questa emozionante esperienza, essendo inizialmente vissuta soprattutto con i bambini più piccoli, mi induce
a salutarvi con un messaggio molto significativo che non posso fare a meno di condividere con voi!

finaleInformazioni bibliografiche:
www.amazon.com/The-Scarecrows-Wedding
www.fabbrieditori.eu/libri/peter-lo-spaventapasseri-2
www.mondadoristore.it/Celestina-e-Giovedi

website per ulteriori ispirazioni:
Il libro completo di “The scarecrows’ wedding”
https://www.youtube.com/watch?v=UWscAwXmHJ8
http://www.lolli-pops.de/dingle%20dangle%20scarecrow.pdf
http://www.1plus1plus1equals1.com/ScarecrowTotPack.html
http://www.toddlerfunlearning.com/#!dingle-dangle-scarecrow-kids-song

website Festival:
www.festivalspaventapasseri.jimdo.com/
www.valseriana.eu/it/183-eventi/calendario-generale/

spaventapasseri

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.