Moda e bellezza

Jeans da uomo: guida alla scelta

C’è un capo d’abbigliamento che piace a tutti e che non passa mai di moda. Sa interpretare al meglio qualsiasi contesto e può essere indossato a prescindere dalla stagione. Stiamo parlando del jeans da uomo, vero e proprio must assoluto in fatto di stile e indumento capace di imprimere ora una svolta casual ora una più formale a seconda anche del resto dell’abbigliamento. Ma come fare a scegliere il pantalone perfetto? I migliori jeans uomo sono quelli che sanno valorizzare la figura di chi li indossa, rendendo armonico l’outfit nel suo insieme.

Versatilità e vestibilità: le cose da prendere in considerazione

Sentirsi a proprio agio con i vestiti scelti è importante, perché è una sensazione che va a influire direttamente sull’attitudine e la propensione allo svolgimento delle attività di routine quotidiana. Stiamo parlando di un capo potenzialmente in grado di risolvere qualsiasi questione di stile, a patto di indossarlo con gli accessori giusti. I migliori jeans fanno questo: vestono il manager ma anche il dipendente di banca e il fotografo ma non solo. Essendo molto versatili, i jeans sono disponibili in un ventaglio ampio di colori e di stili oltre che di tagli. E’ sempre bene optare per brand affermati, specie nel panorama maschile dove il jeans è spesso vissuto come uno status symbol. Marchi come Dsquared2, per esempio, fanno propria la caratteristica della versatilità rendendosi protagonisti di composizioni moderne e minimal oppure più orientate verso il vintage in un bel mix spezzato con giacca. E le tipologie? Quando si parla di slim, skinny oppure straight bisogna tenere presente che non si tratta di indicazioni relative alla forma del tipo di corpo per il quale sono pensati i pantaloni. Il riferimento è piuttosto all’effetto finale. Nel jeans migliore vestibilità dipende molto anche dalla personale capacità di analisi in relazione alla propria struttura corporea.

Vestibilità, taglia e forma del corpo sono elementi chiave

Siamo abituati a sondare il web e le piattaforme di ecommerce più fornite per andare in cerca del modello perfetto, magari quello che in un certo momento va per la maggiore perché è stato visto sfilare sulle passerelle d’alta moda. Ecco che allora i brand di grido salgono in cattedra, nel nome sia dello stile che della qualità e durabilità dei materiali. Tra i principali elementi da valutare quando si tratta di scegliere i migliori jeans da uomo c’è il taglio: se ne trovano generalmente 6 tipologie, che adesso passeremo in rassegna. Si tratta dei relaxed, ovvero quelli che offrono un’ampia vestibilità dalla vita in giù, dei boot cut ovvero quelli classici con la gamba che scende larga e degli slim, questi ultimi una via di mezzo tra modelli stretti e larghi. Ci sono poi gli skinny che, lo dice la parola fasciano e hanno una vita abbastanza bassa, gli straight che hanno la gamba dritta e la vita bassa, e infine i tapered che avvolgono la gamba con un movimento affusolato e delicato. La taglia, la forma del fisico e la vita naturalmente sono altri tre aspetti importanti da considerare. La vita alta è ok per uomini dal fisico imponente, mentre quelli a vita media sono invece perfetti per quanti hanno la classica abitudine di infilare nel pantalone la camicia. Infine i modelli a vita bassa, che danno uno spiccato senso di relax, cedono sui fianchi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.